Ruth Law Oliver è stata una pioniera dell’aviazione americana negli anni ’10.

È nata il 21 maggio 1887 a Lynn, Massachusetts. Ispirata da suo fratello, paracadutista e pioniere dello stuntman cinematografico Rodman Law (1885-1919), ha sfidato sé stessa iniziando a volare tenendogli il passo fisicamente durante la loro infanzia.

Il rifiuto di Orville Wright di darle delle lezioni di volo che, secondo Law, partiva dal fatto che le donne non fossero inclini alla meccanica, la rese più determinata; il suo motto infatti era “Il modo più sicuro per farmi fare una cosa è dirmi che non posso farlo”. Istruita da Harry Atwood e Arch Freeman all’Atwood Park di Saugus, Massachusetts, ottenne la licenza di pilota nel novembre 1912. Nel 1915 tenne una dimostrazione di acrobazia a Daytona Beach, in Florida, davanti a una grande folla. Annunciò che stava per “fare il giro della morte” per la prima volta, e continuò a farlo per due volte, con una forte disapprovazione di suo marito, Charles Oliver. La sua più grande impresa ebbe luogo il 19 novembre 1916 quando, volando senza scalo da Chicago allo Stato di New York, una distanza di 590 miglia (950 km), superò l’attuale record di velocità aerea di volo attraverso l’America di 452 miglia (728 km) stabilito da Victor Carlstrom. Il giorno dopo volò a New York City e, sorvolando Manhattan, il suo carburante si è esaurì, ma lei riuscì a planare verso un atterraggio sicuro su Governors Island, dove fu accolta dal capitano dell’esercito degli Stati Uniti Henry “Hap” Arnold. Il 2 dicembre 1916 il presidente Woodrow Wilson partecipò a una cena in suo onore. Dopo l’entrata degli Stati Uniti nella prima guerra mondiale nell’aprile 1917, fece una campagna affinché le donne potessero pilotare aerei militari. Colpita dall’insuccesso della sua proposta, scrisse un articolo intitolato “Let Women Fly!” sulla rivista Air Travel, dove sosteneva che il successo nell’aviazione dovrebbe dimostrare l’idoneità di una donna a lavorare in quel campo. Dopo la guerra, ha continuato a stabilire record, battagliandosi con Raymonde de Laroche per il record di altitudine femminile, vedendo però vittoriosa de Laroche.

Ruth Law Oliver morì il 1° dicembre 1970 a San Francisco. È sepolta nel cimitero di Pine Grove a Lynn, Massachusetts.

 

ISCA AM è sempre accanto a chi cerca nuove sfide.

ISCA. Bravi a terra. Sicuri in volo.